STORIA

  • azienda balan

Balan, una storia familiare

L’azienda Balan fu fondata nel 1962 da un giovanissimo Sergio Balan, che così mise a frutto le conoscenze acquisite lavorando con suo padre Giuseppe e suo nonno Geremia: entrambi avevano varie attività agricole, ma erano noti soprattutto come, si direbbe oggi, courtiers specializzati nel settore vinicolo. Durante la prima guerra mondiale Giuseppe, partito per il fronte, non poté occuparsi del business di famiglia. In quel periodo sua moglie Rosa Stella ebbe un ruolo determinante per la stabilità del lavoro e il mantenimento dei rapporti costruiti dal marito.

Sergio incominciò la sua attività nel garage di casa, che si trova ancora di fronte alla principale sede dell’azienda, a Sant’Ambrogio di Trebaseleghe, la cui costruzione iniziò nel 1966. Da allora Sergio Balan ha assemblato via via strutture, filari e conferitori per ampliare l’azienda fino a trasformarla nell’attuale realtà, dotata di due sedi produttive, per un totale di settanta ettari controllati direttamente e seimila metri quadri tra strutture di vinificazione, affinamento, imbottigliamento, commercializzazione. Anche in questo caso fu fondamentale il ruolo di una donna, Attilia, la moglie di Sergio, che fu l’unica spalla su cui egli poté contare all’inizio della sua attività.

Dalla fine degli anni ‘80 il gruppo Balan si è lanciato nel business della distribuzione di grandi vini italiani ed esteri. Questa nuova attività si è affiancata alla produzione, che non ha mai smesso di dare ottimi risultati sia in termini numerici che qualitativi.

Oggi il portafoglio Balan può contare su circa 2000 prodotti, con alcuni dei vini più importanti e conosciuti al mondo.

Il lavoro di quattro generazioni, lo sforzo continuo verso l’innovazione, la sinergia tra produzione e commercializzazione, gli accordi con partners prestigiosi e, più di ogni altra cosa, una inesauribile passione per il vino, hanno fatto di Balan uno dei protagonisti di questo mondo in Italia.